* LOGIN *

alt stazione29 gennaio di questo 2022, ore 6 del mattino ci troviamo ed entriamo in A14 con la mia macchina: direzione Bologna, destinazione Volterra.
E' un viaggio impegnativo di 3 ore e mezzo e un caffè in autogrill, ad un certo punto è necessario; ce lo concediamo.
Entro senza mascherina e mi dirigo alla cassa, i miei due amici la mettono (a modo loro, sotto al naso ma la mettono).
Locale vuoto. Dietro al banco bar due umani: una alla macchina del caffè, l'altro alla cassa.

"Signore signore la mascherina" mi dice la barista, "sono esente" rispondo io e porgo l'Universal Pass al cassiere lì a fianco.
L'essere a forma di uomo, con doppia mascherina e parabrezza davanti alla faccia (gli mancava solo la spada laser di Skywalker) tenta di scansionare il QRCode dell'UP con l'applicazione che gli hanno detto di usare e che lui usa; l'applicazione ovviamente fallisce ed ottengo in risposta un laconico "non è valido, non lo legge". A questo punto tento di fargli capire che sta usando l'applicazione sbagliata, nel frattempo viene in soccorso la barista ed anche lei fallisce nella lettura del QRCode.
Tentiamo di comunicare con i due umani che abbiamo voglia di un caffè, dato che viaggiamo da due ore e sono le 8 del mattino. "Al massimo se volete ve li faccio da asporto" ci abbaia dietro stizzita la barista, esasperata probabilmente dalla mancata lettura del QRCode. "Va benissimo" gli dico io.
Arrivano i caffè, nel bicchierino di cartone, senza cucchiaino e senza zucchero: manco ai cani, come si dice!
Prendo il mio caffè (fortuna mia lo bevo volentieri anche amaro), lo porto alla bocca e la barista terrorizzata "no signore no, lo deve andarlo a bere fuori non qui", ed io a lei "ma sei seria? Sono 10 minuti che tenti di leggere il QRCode e io in 10 secondi ho finito il caffè; buona giornata signori" ed usciamo dal locale.

Arriviamo finalmente al casello di Firenze Impruneta. Abbasso il finestrino e al casellante allungo biglietto e UniversalPass insieme.
Lo prende, lo gira, lo rigira, poi lo gira di nuovo e infine mi chiede, con molto garbo devo dire, "cos'è questo?" ed io gli rispondo "è il mio pass universale col quale viaggio, per cortesia mi alza la sbarra così possiamo andare?"
Ci pensa un po', almeno 30 secondi buoni, se lo rigira di nuovo in mano, me lo rende e alza la sbarra del casello. Saluto e il viaggio prosegue senza problemi fino a destinazione!

Bella la toscana: la ricordavo proprio così!

davide pedrelli IAM-dp-09141968 

copyleft 2022copyleft_2 tutti i diritti riVersati